mercoledì 21 dicembre 2011

Il panico finanziario si diffonde in Europa…

…mentre il capo del Fondo Monetario Internazionale mette in guardia su una "depressione come quella degli anni '30"

The American Dream

financial panicSiamo sull'orlo di un'altra Grande Depressione? Christine Lagarde, il capo del FMI, ha detto questa settimana che se non viene intrapresa subito un'azione drammatica potremmo davvero assistere a situazioni che "ricordano la depressione degli anni '30" e che nessun paese al mondo "sarà immune dalla crisi". In questo momento, il panico finanziario si sta diffondendo in tutta Europa, ma la maggior parte degli americani non sono troppo preoccupati semplicemente perché non capiscono quanto sia importante l'UE. La verità è che l'UE ha una popolazione molto più grande degli Stati Uniti. L'UE ha un'economia che è grande quasi quanto le economie degli Stati Uniti e Cina messe insieme. L'UE ha più aziende Fortune 500 degli Stati Uniti, e il sistema bancario d'Europa è sostanzialmente più grande del sistema bancario degli Stati Uniti. Chiunque creda che un  imponente crollo finanziario in Europa non influenzerà notevolmente il resto del globo sta delirando. La crisi del debito europeo è una delle più grandi storie mai viste in un lungo, lungo tempo e il conseguente tracollo finanziario sta per cambiare definitivamente l'economia globale.

Finora, i politici in Europa hanno tenuto 19 incontri ad alto livello di emergenza, nel tentativo di risolvere questa crisi.

Tutti i loro sforzi sono falliti.

In questo momento, questa è la situazione in Europa ....

- La maggior parte dei governi dell'UE sta annegando in livelli tossici di debito

- I rendimenti dei Bond sono aumentati drammaticamente quest'anno e questo ha causato crescenti oneri finanziari per la maggior parte dei membri dell'Unione europea

- Nel tentativo di mantenere il debito sotto controllo, i governi di tutta Europa stanno attuando misure di austerità brutale e questo sta causando alle economie europee un notevole rallentamento

- A questto punto, c'è una tremenda mancanza di fiducia nel sistema finanziario europeo, e questo sta causando una massiccia stretta creditizia

- La crisi del credito sta provocando la sensibile diminuzione dell'offerta di moneta in quasi tutte le nazioni dell'UE

- Le principali banche di tutta Europa stanno massicciamente operando con leva e sono sul punto di fallire

Tutto questo è così simile a quello che abbiamo già visto  durante gli anni ‘30.

In realtà, le cose vanno così male che i leader mondiali di primo piano stanno adoperando un linguaggio apocalittico per descrivere la situazione in Europa.

Basta controllare che cosa ha detto recentemente sull'Europa il capo del Fondo Monetario Internazionale, Christine Lagarde. Parlando ad una conferenza del Dipartimento di Stato a Washington questa settimana, Lagarde ha rilasciato le seguenti dichiarazioni molto scioccanti....

* "Le prospettive sull'economia mondiale in questo momento non sono particolarmente rosee. Sono abbastanza fosche"

* "Non c'è economia del mondo, siano essi paesi a basso reddito, mercati emergenti, paesi a reddito medio o economie super-avanzate, che resteranno immuni dalla crisi che vediamo non solo dispiegarsi, ma in escalation"

* "Non è una crisi che sarà risolta dall'azione di un gruppo di paesi. Sarà auspicabilmente risolta se tutti i paesi, tutte le regioni, tutte le categorie di paesi agiranno efficacemente."

* "Nessun paese o regione è immune. Tutti devono agire per rilanciare la crescita. Il lavoro deve iniziare nei paesi della zona euro e deve continuare senza sosta. I rischi dell'inazione sono protezionismo, isolamento e altri elementi che ricordano la depressione degli anni '30".

* "Questa è l'esatta descrizione di ciò che è accaduto negli anni '30, e quello che seguì non è qualcosa che aspettiamo con impazienza".

Ma i politici europei recentemente non hanno raggiunto un accordo che avrebbe dovuto risolvere tutto questo?

Beh, purtroppo l'accordo praticamente non ha fatto nulla per risolvere i problemi finanziari di fondo che l'Europa sta affrontando.

In realtà, i mercati finanziari globali sembrano del tutto indifferenti a questo recente accordo. Un recente articolo del professor Peter Morici ha spiegato nei dettagli alcuni dei problemi dell'accordo ....

Gli investitori stanno rifiutando l'accordo sull'euro, perché l'accordo non risponde efficacemente alle esigenze di finanziamento dell'Italia e di altri governi del Mediterraneo, non corregge i bilanci deboli delle banche commerciali europee, nè corregge i difetti strutturali di fondo nell'architettura dell'euro.

Il Fondo europeo di stabilità finanziaria di 440 miliardi di Euro sta fornendo un finanziamento a breve termine - garantito da 17 Stati membri della zona euro nel suo complesso - per aiutare a tirare avanti i governi più travagliati.

Tuttavia, questi salvataggi impongono drastici tagli alla spesa e aumenti delle tasse. Insieme ai piani di austerità adottati anche dalla Francia e altri Stati europei più sani, questi pacchetti stanno spingendo l'Europa in una recessione che potrebbe durare diversi anni.

Ciò che è peggio è che ci sono segnali che questo accordo recente sta già rivelando. Alcune nazioni UE hanno deciso che non sono sicure di voler andare avanti con il programma.

Da un recente articolo del Telegraph ....

Nel bel mezzo dei recenti avvertimenti che l'Europa sta provocando una depressione globale stile anni trenta, il Cancelliere tedesco ha affrontato l'aperta ribellione contro l'asse portante del suo accordo di Bruxelles. I leader dell'Ungheria e della Repubblica Ceca hanno detto in una conferenza congiunta a Budapest che erano pronti a respingere le modifiche del trattato pianificato e gli impliciti progressi verso un sistema fiscale centralizzato. Il primo ministro ceco Petr Necas ha detto di essere 'convinto che l'armonizzazione fiscale non significherebbe nulla di buono per noi'.

In Polonia, in realtà si vedono persone che marciano nelle strade per protestare contro questo nuovo accordo ....

I polacchi hanno sfilato esibendo striscioni con la scritta: ". Vogliamo la sovranità, non l'euro" Protestavano contro l'accordo di Bruxelles che potrebbe vedere i paesi dell'UE, compresi quelli fuori dalla zona euro, affrontare sanzioni per aver infranto le dure leggi della spesa centralizzata.

Quindi non solo questo nuovo accordo non affronta i problemi fondamentali che l'Europa sta affrontando, ma c'è anche un'enorme quantità di dubbi sul fatto che alla fine sarà approvato o meno.

Nel frattempo, le misure di austerità brutale che sono in corso di attuazione in tutta Europa stanno spingendo molte nazioni UE in recessione.

L'Unione europea (guidata da Germania e Francia) e il FMI hanno spinto le nazioni in difficoltà finanziaria di tutta Europa a fare tagli di bilancio incredibilmente estesi. Ma questi tagli di bilancio molto estesi hanno avuto un impatto economico devastante.

In un recente articolo, ho parlato di come le brutali misure di austerità hanno già spinto l'economia della Grecia in una vera e propria depressione ....

Basta guardare a quello che è successo in Grecia. La Grecia è stata costretta ad aumentare le tasse e a mettere in atto misure di austerità brutale. Che hanno causato il rallentamento dell'economia e la diminuzione delle entrate fiscali  e così i dati del debito pubblico non sono migliorati tanto quanto previsto. Così la Grecia è stata costretta ad attuare misure di austerità ancora più brutali. Bene, queste hanno causato un rallentamento ancora più grande dell'economia e le entrate fiscali sono ancora diminuite. In Grecia questo ciclo è stato ripetuto più volte e ora la Grecia sta vivendo una vera e propria depressione economica. 100.000 aziende hanno chiuso e un terzo della popolazione vive in povertà. Ma ora la Germania e la Francia intendono imporre la "soluzione greca" al resto d'Europa.

In questo momento, il flusso di soldi del governo si sta prosciugando in tutta Europa e così il flusso di denaro dalle banche. Le banche europee stanno riducendo i loro bilanci e hanno drasticamente tagliato i finanziamenti al fine di soddisfare nuovi requisiti patrimoniali che vengono loro imposti.

Tutto questo ha creato un ambiente in cui non c'è molto credito che scorre in Europa. Quando c'è una crisi del credito di questa portata, l'offerta di moneta inizia a ridursi. Ciò sta già avvenendo in tutta Europa come ha detto un recente articolo del Telegraph  ....

Tutte le quantità importanti della massa monetaria nella zona euro si sono contratte nel mese di ottobre con drastiche ricadute in parti dell'Europa meridionale, aumentando il rischio di grave recessione nei prossimi mesi.

In questo momento, stiamo vedendo l'offerta di moneta in ciascuna delle nazioni "PIIGS" cadere a un ritmo impressionante. Dallo stesso articolo del Telegraph citato sopra ....

Simon Ward di Henderson Global Investors ha dichiarato: la moneta "stretta" M1 - che comprende contanti e depositi a vista, e segnala piani di spesa a breve termine - mostra una frattura preoccupante tra il Nord e il Sud del mondo.

Mentre i veri depositi M1 sono ancora in mano al blocco tedesco, il tasso di caduta negli ultimi sei mesi (annualizzata) è stata di 20.7pc in Grecia, 16.3pc in Portogallo, 11.8pc in Irlanda, e 8.1pc in Spagna, e 6,7 pc in Italia. Il ritmo del declino in Italia ha accelerato, anche grazie alla fuga di capitali. "Questo tasso di contrazione è maggiore che nei primi mesi del 2008 e implica una recessione ancora più profonda, sia per l'Italia che per l'intera periferia", ha detto Ward.

Questi numeri urlano "Recessione, Recessione, Recessione".

Ci può essere uno spiraglio di speranza all'orizzonte. La Federal Reserve ha prestato enormi quantità di denaro alla Banca Centrale Europea e la Banca centrale europea ha dato il denaro in prestito alle banche europee. A loro volta, le banche europee hanno usato molto di quel denaro per comprare titoli di stato europei. Si tratta di un massiccio schema Ponzi, ma ha stabilizzato i rendimenti dei titoli in Europa, per ora. Questo schema è stato descritto in un recente articolo di Simone Foxman ....

Questo perché la Banca centrale europea potrebbe aver già introdotto misure tortuose che risolveranno alcuni dei grandi problemi dell'Europa - sta rendendo l'investimento in debito sovrano periferico una grande opportunità di profitto per le banche.

Teoricamente, le istituzioni finanziarie saranno in grado di battere moneta chiedendo  prestiti ultra-economici alla BCE e acquistando debito sovrano a rendimento più elevato.

In sostanza, sembra che la BCE potrebbe consentire alle banche europee di impegnare qualunque cosa, in cambio di fondi. In primo luogo, la nuova politica europea consente alle banche di detenere molti meno beni come garanzia in cambio di finanziamenti da parte della BCE, liberando liquidità per la somma di € 103.000.000.000 (134 miliardi di dollari). Ancora più importante, l'attenuzione delle restrizioni di garanzia potrebbe anche consentire alle banche europee di utilizzare beni sovrani anche un po' rischiosi come garanzia per acquistare obbligazioni.

Ma questo schema Ponzi non può andare avanti all'infinito. Molte banche europee stanno già cominciando ad essere a corto di garanzia per questi prestiti come ha recentemente spiegato una fonte di notizie australiana ....

"Se qualcuno pensa che le cose stanno migliorando, semplicemente non capisce quanto sono gravi i problemi ", ha detto un dirigente esecutivo di Londra di una banca mondiale. "Una grande banca può fallire in poche settimane."

Altri dicevano che molte banche continentali, tra cui istituti di credito francesi, italiani e spagnoli, erano vicine all'esaurimento di forme accettabili di garanzia, come i bond del Tesoro degli Stati Uniti, che potrebbero essere utilizzati per finanziare prestiti a breve termine.

Alcuni sono stati costretti a prestare le loro riserve d'oro per mantenere l'accesso ai finanziamenti in dollari USA.

Sarà la Banca centrale europea a prestare loro soldi una volta che saranno a corto di garanzie?

Se lo faranno, la stessa BCE potrebbe essere in grande pericolo.

La verità è che la BCE sta già giocando con il fuoco. Finora, la Banca centrale europea ha speso oltre 274 miliardi di dollari per comprare titoli di stato europei, nel tentativo di mantenere bassi i rendimenti dei titoli.

Quanti titoli tossici può comprare la BCE, prima di mettersi veramente nei guai?

Questa è una domanda molto interessante.

Nel frattempo, il resto del mondo sta diventando sempre più preoccupato per il panico finanziario che attraversa l'Europa.

Per esempio, alle banche australiane è stata data una sola  settimana per eseguire un test di stress che valuti la loro capacità di sopravvivere in caso di un collasso finanziario europeo.

Perché tutta questa urgenza?

Sanno qualcosa che noi non sappiamo?

Proprio come nel 2008, stiamo assistendo a problemi enormi in alcune delle più grandi banche del mondo.

Giovedi', Fitch Ratings ha declassato un intero gruppo delle banche più importanti al mondo ....

Le banche includono Bank of America, Morgan Stanley e Goldman Sachs, così come in Europa Barclays, Société Générale e BNP Paribas.

Anche la tedesca Deutsche Bank e la svizzera Credit Suisse sono state declassate.

Il sistema bancario globale è un castello di carte gigante. C'è semplicemente troppo debito, troppa leva  e troppi rischi.

In media, le principali banche di tutta Europa operano con leva ad una media di 26-1.

Se il valore dei beni detenuti da tali banche diminuisce di appena il 4 per cento, saranno spazzate via.

Sì, le cose sono così gravi.

E già stiamo iniziando a veder fallire le maggiori banche in Europa.

Questa settimana è stato rivelato che la seconda banca più grande della Germania avrà bisogno di un salvataggio. Da un rapporto di Sky News ....

La seconda più grande banca tedesca, Commerzbank, fa riferimento nelle discussioni con il governo tedesco, ad un piano di un salvataggio dopo che i governanti hanno manifestato la necessità di raccogliere più soldi per far fronte ad un potenziale inadempimento sui prestiti ai governi.

"Colloqui intensi" sono in corso da diversi giorni, secondo fonti che hanno parlato con l'agenzia di stampa Reuters.

Quindi, se la seconda banca tedesca sta fallendo, le banche in Europa sono al sicuro?

Proprio come abbiamo già visto nel corso degli anni '30, stiamo iniziando a vedere una corsa alle banche in tutta Europa.

Infatti, secondo un recente articolo di Der Spiegel, una corsa alle banche greche è in corso da qualche tempo e sta rapidamente accelerando ....

Vuol dire che il deflusso di fondi dai conti bancari greci ha accelerato rapidamente. All'inizio del 2010, i risparmi e depositi detenuti dalle famiglie private in Grecia ammontavano a 237.700.000.000 di Euro - alla fine del 2011, sono calati a 49.000.000.000 di Euro. Da allora il declino ha acquistato slancio. Il risparmio è sceso di ulteriori 5,4 miliardi di Euro a settembre e di circa 8,5 miliardi di Euro ad nel ottobre - il più grande deflusso mensile di fondi dall'inizio della crisi del debito fino alla fine del 2009.

Se riuscite a crederci, circa il 20 per cento di tutti i depositi bancari in Grecia sono stati ritirati a partire dall'inizio del 2011.

L'Europa è in una massiccia quantità di guai. L'euro sta crollando come una roccia e il sistema finanziario europeo è paralizzato dal panico e dalla paura.

Ci vorrebbe un miracolo per evitare che un massiccio collasso finanziario si verifichi in Europa nel 2012.

Purtroppo, sembra che all'orizzonte non ci sia alcun miracolo per l'Europa.

Fonte: The American Dream 16 Dicembre 2011
Traduzione: Anna Moffa per
ilupidieinstein.blogspot.com

2 commenti:

  1. Bello... articolo letto con gusto!

    RispondiElimina
  2. Ciao Ray, sembra bello anche a me :-) Ma, così pare, qualcuno si è avvelenato, solo a leggerlo. Possiamo solo aspettare...e sperare
    Anna

    RispondiElimina

I commenti sono moderati e quindi non saranno visibili immediatamente